chiesa di san giorgio maggiore descrizione

// ]]>, Venezia.Travel di Tony Reise P.le Leonardo da Vinci 2 30021 - Caorle - Venice Tel: +39 33 973 99 742 Fax: +39 0421 81704 E-Mail. [2], La straordinaria ricchezza dell'insieme rende testimonianza della qualità del gusto dei monaci e della grandiosità del tenore di vita del monastero, uno dei più potenti d'Italia. La Chiesa di San Giorgio Maggiore a Venezia è situata sull'omonima isola, all'estremità della Giudecca e davanti al bacino di San Marco, cuore di Venezia. I lavori andarono in questo periodo fortemente a rilento per via delle rivolte di Masaniello, avvenute intorno al 1647, e della peste che colpì la città nel 1656; il terremoto del Sannio del 1688 invece comportò la realizzazione di un nuovo progetto di ristrutturazione che si affiancò ai lavori di completamento delle parti mai realizzate previste già nel primo. Dove: Napoli, Via Duomo 237; Indirizzo: Via duomo 237 . Sicuramente una delle chiese barocche più belle a Salerno, della chiesa di San Giorgio si hanno le prime notizie nell’819. L'altare maggiore, collocato in linea d'aria alla conclusione della terza campata della navata mediana e anticipato da una balaustra marmorea settecentesca, è opera di Camillo Lionti del 1786; questo è decorato ai lati da due sculture di Angelo Viva ritraenti Orazione e Chiesa e inoltre custodisce una teca con le reliquie di san Severo, mentre risale al XII secolo il crocifisso ligneo che si eleva accanto. La chiesa di San Giorgio a Salerno fa parte di un complesso monastico tra i più antichi in città e ha origini longobarde. Il frontone da tempio e lo spazioso, sereno interno dalle proporzioni perfette e dalla fredda bellezzza sono tipici dell'artista nel loro riecheggiare elementi stilistici dell'antica Roma. [2] Sopra il portale d’ingresso, tra due colonne di marmo con capitelli corinzi, si apre invece una nicchia entro cui è scolpita la Madonna col Bambino, opera sempre ottocentesca di Nicola Massuti su bozzetto di Raffaele Belliazzi. L’attuale basilica è proprio uno degli ultimi interventi: progettata attorno alla metà del 1500 da Andrea Palladio venne completata solo diversi decenni dopo. Simile a un palcoscenico sull'acqua, se vista dalla Piazzetta, la piccola isola di San Giorgio Maggiore è stata ritratta da innumerevoli pittori.. La Chiesa di San Giorgio Maggiore è uno tra i maggiori risultati architettonici del Palladio. [3], La sequenza degli spazi corre lungo un asse centrale molto marcato che garantisce la continuità e il trapasso da una zona della chiesa a un'altra. I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Alla navata principale voltata a botte e controventata da tre volte a crociera — un vero e proprio frigidarium delle terme romane — segue l'improvvisa espansione laterale delle absidi e verticale della grande cupola su tamburo; a quest'ultima Palladio affianca lo spazio estremamente studiato del presbiterio dal quale, attraverso una transenna di colonne, è visibile il coro che si pone come un interno-esterno, quasi la transenna fosse il pronao di una villa attraverso il quale osservare il paesaggio. Sull'altare maggiore troneggia un grande bronzo da Gerolamo Campagna[6] disegnato da Antonio Vassilacchi detto l'Aliense che rappresenta i Quattro Evangelisti che sostengono il mondo e Dio. Riconoscerai subito il Campanile di San Marco, la Riva degli Schiavoni e il Palazzo Ducale. Una delle vedute più caratteristiche di Venezia è senza dubbio quella che si affaccia da Piazza San Marco verso la laguna, dove si erge monumentale la stupenda Chiesa di San Giorgio Maggiore con il suo inconfondibile campanile. Non è il classico museo, ma qualcosa di davvero molto interessante e moderno, grazie all’ottimo lavoro svolto dalla Fondazione Cini. La chiesa venne terminata, sempre su suo disegno, da Simeone Sorella nel 1610. La cupola divide infatti entrambi gli assi della chiesa in due parti uguali, con l'asse longitudinale più lungo del transetto (absidato). document.write ('&cb=' + m3_r); L’isola di San Giorgio Maggiore posta geograficamente in un punto nodale della futura città di Venezia, in quello che diventerà la prima cartolina della città insulare, il Bacino di San Marco, era conosciuta fin dai tempi romani tanto che il Brusegan nel suo Le chiese di Venezia indica come insula Memnia dal nome dei proprietari romani dell’isola. [1] Addossato alla colonna di fronte è invece il monumentale pulpito marmoreo su cui è scolpito in bassorilievo una Madonna col Bambino attribuita a Diego De Siloé. Nella volta gli stucchi assolvono il duplice compito di decorare e di incorniciare le pareti lasciate libere dagli affreschi. Il complesso monastico, prevedeva oltre il corpo della chiesa di San Giorgio anche degli ambienti laterali, ora occupati dalla caserma dei carabinieri e dalla guardia di finanza. Nella sala, oltre a vari affreschi, è presente uno stupendo organo da camera risalente alla prima metà del XVIII secolo, ancora oggi funzionante. Orari di apertura: dalle 09.00 alle 18.00. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. [2], L'ingresso principale è aperto attraverso l'antica abside della basilica paleocristiana: questa, in opera listata mista, è un raro esempio di abside arcuata aperta, caratterizzata da tre archi impostati su due colonne antiche di spoglio, coronate da capitelli corinzi e pulvino con croce a monogramma cristiano.[2]. Migliaia di fotografi e pittori sono stati suggestionati dal profilo di quest’antichissimo monastero veneziano. Dove: Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore; Indirizzo: isola di San Giorgio Maggiore; E-Mail: abbaziasangiorgio@gmail.com; Telefono: 041 5227827; Apertura: da maggio a settembre: 9.30-18.30 domenica 8.30-11.00, 14.30-18.30 da ottobre ad aprile 9.30-chiusura al crepuscolo domenica 8.30-11.00, 14.30-chiusura al crepuscolo 9. It forms part of the San Marco sestiere. Ciò si intreccia con un retrostante schema templare il cui frontone poggia su un architrave poco aggettante, retto da paraste. L'altare è decorato da sculture di Gerolamo e Giuseppe Campagna ed è arricchito dal dipinto di Carpaccio San Giorgio e il drago. Madonna col Bambino, san Giorgio e san Severo (Giovanno Balducci, 1629) Le navate laterali e l'ampio coro ligneo finemente intarsiato absidato (posto a prolungamento del presbiterio) si addizionano a questa pianta, che si apprezza al meglio da sotto la cupola. La chiesa, progettata da Andrea Palladio che realizzò anche il refettorio, si affaccia sul Bacino di San Marco. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. La chiesa sotterranea è stata a lungo nascosta ai salernitani, infatti il meccanismo di apertura del pavimento non era più funzionante a causa dell’usura. Nella quarta cappella vi è ancora una tela del de Populi, raffigurante San Nicola da Bari. Alla chiesa vera e propria si accede attraverso un elegante portale cinquecentesco decorato con fregi dorati. A canna quadrata, con cella in pietra d'Istria e cuspide conica, offre un panorama unico su Venezia e sulla laguna. La soluzione adottata dal Palladio per questa facciata è simile a quella quasi contemporanea progettata per San Francesco della Vigna. Simile a un palcoscenico sull'acqua, se vista dalla Piazzetta, la piccola isola di San Giorgio Maggiore è stata ritratta da innumerevoli pittori.. La Chiesa di San Giorgio Maggiore è uno tra i maggiori risultati architettonici del Palladio. Pulpito in marmo con rilievo della Madonna col Bambino (attribuito a Diego De Siloé) Dall’alta torre campanaria dell’Abbazia di San Giorgio Maggiore si può ammirare uno straordinario panorama su tutta Venezia. Continua a scrutare l’orizzonte per scorgere il Canal Grande e l’isola della Giudecca. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. The island, or more specifically its Palladian church, is an important landmark. Quattro archi trasversali e longitudinali sorreggono una cupola semisferica priva di slancio a causa della mancanza del tamburo. Storia. L'esito è un edificio grandioso, che fa rivivere l'emozione spaziale delle realizzazioni romane antiche.[3]. Un tempo questo locale probabilmente era il parlatorio delle monache, come lasciano intuire i riquadri rettangolari, anch’essi murati, che probabilmente contenevano grate. Nel 1618 la chiesa fu concessa ai padri Pii Operai. Nel marzo del 1900 papa Leone XIII la elevò al rango di basilica minore. Nel 1566 fu posta la prima pietra, mentre nel 1575 erano già stati innalzati i muri perimetrali e il tamburo della cupola. Il frontone a timpano e le quattro colonne conferiscono all'edificio religioso caratteristiche proprie del tempio pagano classico. Le foto sono tutte fatte personalmente da me. La seconda parte del vestibolo ha una volta a crociera e si presenta maggiormente illuminata per la presenza sulla parete sinistra di una finestra semicircolare. Di seguito la disposizione fonica in base alla posizione delle manette che azionano i vari registri nelle due colonne della registriera: Il campanile, aperto al pubblico, è il quarto per altezza in città. I nuovi lavori prevedevano il trasferimento di una parte delle colonne in granito nella vicina chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci, e la realizzazione di una terza campata, la prima, con il conseguente completamento dell'ingresso, che fino ad allora avveniva da un accesso laterale della chiesa. if (!document.MAX_used) document.MAX_used = ','; It has been much painted, featuring for example in a series by Monet. La Chiesa, realizzata in pietra istriana, si riconosce facilmente a distanza per le sue giganti colonne in ordine composito che arricchiscono la facciata. '&charset='+document.characterSet : '')); Consigliamo assolutamente una visita. La controfacciata è affrescata da opere del Lama e di Angelo Solimena. Sui vari seggi si notano ancora oggi dei quadretti su cui sono riportati i nomi dei vari cardinali che hanno presenziato all’elezione del Pontefice. La parte più interessante dell’intera chiesa di San Giorgio sono gli affreschi. document.write ("'>"); La prima parte prevede una volta a botte, sulla parete destra si apre una cappella dove una volta c’era un portale di marmo, oggi murato, che dava l’accesso al vasto locale vicino, ormai parte della caserma della guardia di finanza. Dalla cella, raggiungibile attraverso un ascensore, si gode di un ampio panorama del centro storico. Un meccanismo che è stato possibile ripristinare grazie alla tenacia di un salernitano, che durante degli studi di archeologia scoprì l’esistenza di questo tesoro nascosto. Giovanni Morosini, a member of an important noble family of Venice, after serving for 25 years as leader and guide of the Monastery, dies on February 5, 1012, (see: http://www.compagniadellavela.org/compagnia-della-vela/darsene/, https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=San_Giorgio_Maggiore&oldid=988177215, Articles containing Venetian-language text, Wikipedia articles with WORLDCATID identifiers, Creative Commons Attribution-ShareAlike License, This page was last edited on 11 November 2020, at 15:56. San Giorgio Maggiore was probably occupied in the Roman period; after the foundation of Venice it was called Insula Memmia after the Memmo family who owned it. La prima chiesa dedicata a San Giorgio sorse tra l'VIII e il IX secolo; nel 982 l'isola venne donata dal doge Tribuno Memmo a un monaco benedettino, beato Giovanni Morosini, che vi fondò l'adiacente monastero (il monastero di San Giorgio Maggiore) di cui fu il primo abate. La cappella alla destra dell’altare maggiore ospita un pulpito seicentesco in legno scolpito: si eleva su quattro colonne sostenute da 4 leoni che poggiano ognuno su un piccolo ripiano rettangolare. Nel 1576 è finita la struttura generale. Dopo il terremoto del 1980, non è stato più visibile il tesoro sotto il pavimento della chiesa di San Giorgio, infatti una porzione di esso è semovibile e consente la visione degli antichi resti della chiesa longobarda dell’ VIII secolo. document.write ("Modena City Ramblers Accordi, Meteo New York, Ma Come Ti Vesti 2019 Quando Va In Onda, Affinità Di Coppia Base Date Di Nascita, Comune Di Zagarise, Sda Gravellona Toce, Pizza Sorbillo Bimby Farina 00, Via Belfiore 48 Torino, Hotel Regina Margherita Bordighera Email, Durata Visita Campanile San Marco, Spiaggia Bagnera Lago D'orta, La Birra Non Filtrata Fa Ingrassare, 7 Luglio Giornata Mondiale, Villa Diamante Posillipo,